Massimo D’Alema invita Israele a trattare con Hamas.

Per la seconda volta in una settimana, il ministro degli Esteri italiano, Massimo D’Alema, ha invitato Israele ad aprire un dialogo con Hamas, "se è interessata alla pace".

Questo invito è stato fortemente criticato dall’ambasciatore israeliano a Roma.

Il ministro degli Esteri, in una trasmissione sulla rete televisiva italiana SKY, mercoledì 12 marzo, ha espresso posizioni di solidarietà con il popolo palestinese. D’Alema ha dichiarato: “Hamas controlla una grande parte del territorio palestinese, e se vogliamo raggiungere la pace, allora è necessario far partecipare alle trattative i rappresentanti di un’ampia parte del popolo palestinese”.

D’Alema ha aggiunto: “Non dimenticate che Hamas ha vinto le elezioni”, e ha proseguito: “Con chi si tratta di pace? Con i nemici, non serve trattare con gli amici”.

L’ambasciatore israeliano a Roma, Gideon Meir,  ha risposto all’invito del ministro italiano dicendo che trattare con “Hamas è equivalente all’invito a trattare la larghezza della bara di Israele e quanti fiori verranno messi sopra”.

Fonti diplomatiche israeliane hanno dichiarato che "la posizione di D’Alema non rappresenta quella del governo italiano, che non appoggia il dialogo con Hamas finché non accetterà le condizioni del Quartetto”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.