Musa: il presidente Abbas non può indire nuove elezioni.

Dal nostro corrispondente.

 

Il dott.Yahiya Musa, capogruppo di Hamas in Parlamento, ha confermato che "il presidente Mahmud Abbas non ha diritto a indire elezioni anticipate o a richiedere qualcosa che sta al di fuori della costituzione palestinese". E ha aggiunto che "tutte le risoluzioni apparse sulla scena palestinese sono illegali e rappresentano un rovesciamento delle regole politiche. Tutte, tranne la formazione di un governo di unità che ottenga la fiducia del Parlamento".

Durante un incontro con la nostra redazione, Musa ha dichiarato: “Quanto richiesto dal presidente Abbas è andare avanti nel discorso della formazione di un governo di unità nazionale, obiettivo che si può raggiungere rispettando gli impegni dell’agenda palestinese e il documento della Concordia nazionale firmato dalle fazioni palestinesi – che Al-Fatah non deve rovesciare”.

 

Fonti palestinese hanno rivelato che il presidente Abbas pensa a due scelte per uscire dalla crisi attuale: invitare a votare il programma dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina; indire nuove elezioni legislative e presidenziali.

 

Al-Fatah blocca il lavoro del Parlamento

Musa ha smentito che possa essere il gruppo parlamentare di Hamas la causa del blocco delle attività nel Consiglio Legislativo, e ha spiegato: “Noi parlamentari ci mettiamo al lavoro, ma i fratelli di Al-Fatah cambiano sempre i programmi per evitare di approfondire le questioni relative alla corruzione”. Inoltre, poiché le forze di occupazione hanno arrestato 37 parlamentari di Hamas, ora la maggioranza è di Al-Fatah.

 

Musa ha criticato le dichiarazioni del deputato di Al-Fatah, Jamal Abu Ar-Rab, che ha chiesto di togliere l’immunità ai deputati di Hamas e di portarli davanti alla Giustizia: le ritiene “un modo per chiudere la bocca al popolo palestinese”. E ha fatto notare che in Cisgiordania, uomini armati di Fatah aggrediscono i cittadini, impediscono con la forza il funzionamento delle scuole e bruciano le sedi istituzionali.

Il capogruppo parlamentare di Hamas ha aggiunto: “Tra coloro che guidano i disordini in Cisgiordania c’è qualche parlamentare di Fatah”.

 

Musa ha condannato le richieste di Al-Fatah di cedere alle condizioni del Quartetto e dell’agenda americana, e ha invitato il movimento a “lasciare il gioco nel campo americano e europeo e di venire a giocare in patria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.