Nessuna sicurezza alimentare per Gaza: tutto è andato distrutto

New York – Palestine-info. Ieri, 25 maggio, l'Agenzia per l'assistenza umanitaria delle Nazioni Unite ha esposto le difficoltà imposte da Israele all'ingresso e all'uscita di beni e servizi che sono vitali al settore agricolo e alla pesca della Striscia di Gaza.

L'Agenzia ONU ha ribadito che le restrizioni su questi prodotti comportano un alto rischio alimentare per la popolazione; oltre il 60% della famiglie di Gaza soffre di penuria di cibo e lo stato di salute di donne, uomini e bambini è in pericolo.

Questa è la loro realtà dopo quattro anni di embargo imposto da Israele.

Nel rapporto internazionale si citano le affermazioni del Ministro dell'Agricoltura del governo palestinese a Gaza, il quale ha ribadito che se Israele non rimuoverà le restrizioni sulle importazioni e le esportazioni dei prodotti agricoli di Gaza si profila una grave crisi alimentare.

Philip Lazzarini, coordinatore delle operazioni umanitarie nei Territori Palestinesi Occupati sostiene che l'obiettivo dell'Agenzia è quello di recuperare la produzione alimentare locale e le esportazioni.

Questo però dipenderà da tre condizioni: anzitutto l'apertura della frontiera con l'Egitto, la libera circolazione di beni destinati all'agricoltura e di quelli commerciali necessari a vivere.

Infine, nel rapporto si chiede la garanzia di ingresso a Gaza di materiali irreperibili (un esempio è dato dagli strumenti per la manutenzione di acquedotti e sistemi idrici).

Lazzarini ha ricordato che, attualmente, agricoltori e pescatori di Gaza restano dipendenti dagli aiuti umanitari.

Tra le raccomandazioni del rapporto: rendere Gaza nuovamente libera di poter produrre e di disporre di tutto il necessario per la sua produzione; rendere attive le coste (quindi il porto); permettere le importazioni e l'arrivo degli aiuti umanitari.  

Ad oggi Israele impedisce tutto ciò.

Ricordiamo che la Striscia di Gaza possiede un'importante percentuale delle coste della Palestina storica ed è abitata da circa un milione mezzo di abitanti.

Qui, tra il 2008 ed il 2009, tutti hanno vissuto sulla propria pelle l'aggressione di Israele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.