Nuovo ridispiegamento dell'Unità di Sicurezza palestinese creata dal ministro degli Interni: è una richiesta popolare.

Il ministero degli Interni ha deciso di concentrare il ridispiegamento dei membri della sua forza speciale nelle zone pubbliche di Gaza.

Az-Zahar, fratello del dirigente della forza di sostegno guidata dal ministero degli Interni e della Sicurezza nazionale palestinese, ha dichiarato che la forza speciale rafforzerà la presenza nelle zone pubbliche e nelle piazze per mantenere la sicurezza generale e la tranquillità. "Rafforzeremo la nostra presenza per soddisfare le richieste della gente, e dopo il ridispiegamento deciso ieri punteremo nei luoghi destinati al trasporto pubblico -zone di maggior interesse commerciale e economico – dove aumenta la delinquenza”.

 

 Dalle prime ore del mattino, numerosi membri della forza speciale appartenente al ministero degli Interni si sono ridistribuiti nelle zone principali e pubbliche.

Il primo ministro palestinese Ismail Haniyah ha chiarito che si tratta di una decisione presa dopo una settimana dal dispiegamento della forza di sostegno per rafforzare l’unità nazionale e per diminuire il clima stressante delle strade palestinesi.

Haniyah, che nei prossimi giorni incontrerà il presidente palestinese Mahmoud Abbas a Gaza per discutere diverse questione tra cui il referendum pubblico, ha dichiarato:  "Abbiamo voluto dimostrare che questa è una forza di sostegno con un compito di polizia. Riconoscerò tutti i membri presentati dal ministero degli Interni ed essi saranno sostenuti sia a livello economico sia logistico”.

Yusef Az-Zahar ha confermato che le forze di sostegno sono collocato in zone fisse e volanti in base alle direttive del ministro degli Interni, Said Siyam: "Abbiamo ricevuto la direttiva del ministro che ci impone di rimanere in posti prestabiliti e mobili e di intervenire nel caso in cui la polizia abbia problemi. Noi non facciamo domande, siamo poliziotti: seguiamo gli ordini”.

La presenza delle forze sarà nei luoghi pubblici e nelle volanti mobili finché esse non faranno parte effettiva degli organi di sicurezza palestinesi.  iAz-Zahar ha spiegato che "le nuove direttive significano che la modalità di dispiegamento precedente era sbagliata".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.