Olmert: non trattiamo con Misha’l e Hamas.

Dal nostro corrispondente e da www.maannews.net.
Il primo ministro israeliano Ehud Olmert ha ripetuto il suo rifiuto a rilasciare i prigionieri palestinesi in cambio del soldato catturato, sostenendo che tale scambio avrebbe messo in pericolo la sicurezza dello stato israeliano.

Durante una conferenza stampa a Gerusalemme, Olmert ha sottolineato che lo scopo delle operazioni militari israeliane contro la Striscia di Gaza è di rilasciare il soldato israeliano e prevenire il lancio di missili artigianali contro le città israeliane.

Olmert ha affermato: "Non fermeremo le operazioni israeliane nella Striscia se non termineranno gli attacchi palestinesi", e ha sottolineato che "non c’è limite di tempo alle operazioni militari contro la Striscia".

Per quanto riguarda i negoziati con Hamas, che rappresenta il maggiore partiti all’interno dell’ANP, Olmert ha ripetuto il proprio rifiuto: "Khalid Misha’al non sarà un partner per la pace e noi non negozieremo con Hamas. Negozieremo con Abu Mazen se avrà la capacità di dirigere l’Autorità palestinese. Noi non portiamo avanti una politica di punizioni di massa contro i palestinesi: ciò che noi vogliamo è garantire la sicurezza per palestinesi e israeliani. Chiunque sia coinvolto nel terrorismo deve pagarne il prezzo".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.