Proseguono gli scavi israeliani a Al-Aqsa. 25 parlamentari giordani chiedono al proprio governo di rompere i rapporti diplomatici con Israele.

Proseguono, da martedì della scorsa settimana, gli scavi vicino alla Moschea di Al-Aqsa, nella Città Vecchia di Gerusalemme. Le autorità israeliane hanno demolito parte della Porta di Magharbah (dei Marocchini) e due stanze e fatto fatto piazzare tendoni per impedire ai fotografi e alle tv di documentare la distruzione. 

La Fondazione Al-Aqsa ha reso noto che Israele ha raddoppiato il numero di operai addetti agli scavi.

25 parlamentari giordani hanno firmato una petizione sollecitando il loro governo a dichiarare ufficialmente che a seguito del perdurare delle operazioni di scavo a Al-Aqsa, Israele ha violato il Trattato di pace siglato dai due paesi nel 1994. L’articolo 9, infatti, prevede che Israele si impegni a rispettare il ruolo giordano di tutela dei luoghi santi cristiani e musulmani a Gerusalemme.

La notizia è stata riportata oggi dal quotidiano israeliano Ha’aretz, che ha riferito anche la richiesta dei parlamentari giordani al loro governo: ritirare l’ambasciatore da Tel Aviv e mandare via quello israeliano da Amman. Cioè, la rottura dei rapporti diplomatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.