Scontri tra militanti di Fatah e Hamas: uccise tre persone. Bardwil: "E' una diffamazione della lotta palestinese".

Dal nostro corrispondente.

Il portavoce del gruppo parlamentare di Hamas, Salah Bardwil, ha condannato gli scontri di questa mattina all’alba tra militanti di Fatah e Hamas come "una diffamazione della lotta palestinese. Quello versato è sangue palestinese. E’ inaccettabile per qualsiasi persona. Tale azione è l’opera di momenti demoniaci e riflette la mancanza di educazione e esperienza".
La cronaca: tre palestinesi sono rimasti uccisi in scontri tra sostenitori di Fatah e Hamas a Abasan Al-Kabirah, a est di Khan Younis.

Fonti di informazioni palestinesi hanno riferito che le Brigate Izzeddin Al-Qassam e Al-Aqsa si sono sparati per ore.

I gruppi hanno rapito l’uno i membri degli altri, incrementando il livello di tensione nell’area ed esacerbando il confronto tra i due gruppi.  

Il risultato è stata l’uccisione di 3 persone e il ferimento di altre 10 sia di Hamas sia di Fatah.

Mohammad Ahmad Al Jorf, 25 anni, e Hamadah Ismael Ad-doghmah, 26, membri di Al-Aqsa and Wasfi Shakir Shahwan, 22, membro di Izzedine Al-Qassam, sono stati uccisi.

Salih Abu Hamid, un leader di Fatah in Khan Younis, ha condannato gli scontri e ha accusato ciò che ha definito gli "elementi sospetti" di cercare di influenzare le tensioni reciproche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.