Si estende la solidarietà con i prigionieri palestinesi in sciopero. Nuove adesioni da Haifa

Haifa – Pal-Info, InfoPal. Continua ad Haifa lo sciopero della fame dei cittadini palestinesi in solidarietà a quello indetto più di due settimane fa dai prigionieri palestinesi nelle carceri di Israele.

“Il nostro sciopero della fame da Haifa è una breccia alle frontiere imposte da Israele negli anni della sua occupazione”, ha detto uno dei manifestanti.

Intanto, anche alcuni internazionali presenti nei Territori palestinesi occupati e nella Striscia di Gaza partecipano allo sciopero della fame.

A partire da oggi, altri 420 detenuti palestinesi nel carcere di Jilbo' hanno fatto sapere che si uniranno all'iniziativa.

Articoli correlati:

Friends of Humanity Int.l: 'Israele è il n°1 nel violare i diritti dei prigionieri'
Dopo 35 anni, Israele consegna ai palestinesi il corpo di un 'martire dei numeri'
Sit-in di solidarietà con i detenuti d'avanti alle prigioni di Jilbo' e 'Ashqelon
Israele arresta il presidente del comitato dei prigionieri di Gerusalemme
Decine di asfissiati da lacrimogeni al sit-in dei parenti dei prigionieri palestinesi
Beirut: sit-in di solidarietà con i prigionieri palestinesi in sciopero della fame
Contro le detenzioni illegali, sciopero della fame anche nelle prigioni dell'Anp
Il Fplp invita il Consiglio d'Europa a salvare la vita dei detenuti palestinesi
Nablus, parenti dei detenuti continuano il sit-in di solidarietà
Dal 1967, Israele ha arrestato 750mila palestinesi
UFree: campagna di solidarietà della Rete europe in difesa dei prigionieri palestinesi
Anche a Nablus centinaia in sit-in di solidarietà con i prigionieri palestinesi
Familiari dei detenuti aderiscono allo sciopero della fame in corso nelle prigioni israeliane
Sciopero della fame dei prigionieri palestinesi contro isolamento e punizioni collettive

(Foto: Pal-Info).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.