Striscia di Gaza, Israele minaccia vasta offensiva.

www.repubblica.it del 29 febbraio

Nelle notizie di agenzia, in archivio

Gerusalemme, 13:41

M.O.: STRISCIA GAZA, ISRAELE MINACCIA VASTA OFFENSIVA

Ancora nuovi raid israeliani sulla Striscia di Gaza, ma Israele adesso minaccia un’offensiva in grande stile. Il premier israeliano, Ehud Olmert, affrontera’ nel fine settimana la situazione con i ministri del suo governo (il titolare della Difesa, Ehud Barak, e il ministro degli Affari Esteri, Tzipi Livni) e gli alti comandi di sicurezza. Ma intanto si moltiplicano gli appelli, anche tra i deputati della Knesset, perche’ Israele occupi di nuovo la Striscia di Gaza e rovesci il governo di Hamas. I miliziani palestinesi ieri hanno sparato almeno una decina di razzi Grad – i razzi di fabbricazione russa, noti come Katyusha, che hanno una gittata di 20 chilometri- contro la citta’ israeliana portuale di Ashkelon: uno ha colpito un edificio, affettandone il tetto e piombando sui piani inferiori; un altro e’ atterrato vicino a una scuola, ferendo una 17enne. La citta’, che conta circa 120.000 abitanti, e’ situata 15 chilometri all’interno della frontiera ed e’ stata colpita solo sporadicamente nel passato; e dunque i Katyusha caduti ieri hanno lasciato una grande impressione, ma e’ diffusa la convinzione che se Ashkelon diverra’ un obiettivo permanente degli attacchi di Hamas, un’offensiva di terra sara’ inevitabile e necessaria quanto prima. Il governo ha oggi attivato un sistema di allerta con sirene, ma intanto pensa alla controffensiva, anche perche’ non si ferma la pioggia dei razzi Qassam sul suolo israeliano. "Faremo di tutto" per costringere Hamas a interrompere la pioggia di razzi sul territorio israeliano, ha detto il vice-ministro della Difesa, Matan Vilnai, alla radio dell’esercito, arrivando a a usare il termine "shoah" (olocausto) per indicare le perdite a cui andranno incontro i palestinesi se Hamas non fermerà gli attacchi. "Più razzi Qassam spareranno, più sarà potente la loro gittata, maggiore sara’ l’Olocausto che (i palestinesi) attireranno su di sé; perché noi utilizzeremo tutta la nostra forza", ha detto il vice-ministro Vilnai. "I leader di Hamas lo sanno, ma sono irresponsabile" e Israele "non avra’ altra scelta che lanciare un’offensiva su vasta scala nella Striscia di Gaza". Intanto stamane cinque palestinesi, tra i quali due minori, sono rimasti feriti sotto i tre attacchi aerei dell’esercito israeliano. I bambini, di 5 e 6 anni, sono rimasti feriti quando un missile ha colpito la loro abitazione nella città di Jabaliya; e ormai sono almeno 32 i palestinesi morti tra la Cisgiordania e Gaza dallo scorso mercoledì sotto il fuoco dell’esercito con la ‘stella di David’. Tra le vittime, otto minori, tra i quali anche un bebe’ di appena 6 mesi. L’offensiva sferrata in queste ore da Israele non ha precedenti negli ultimi mesi: l’esercito ha schierato batterie di artiglieria nelle immediate vicinanze della frontiera, decine di tank, blindati che hanno effettuato incursioni di vari chilometri nel nord della Striscia, la zona da cui vengono lanciati i razzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.