Tel Aviv rinnova il suo rifiuto del Trattato di non-proliferazione

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman ha rinnovato il rifiuto israeliano ad aderire all'accordo di non-proliferazione delle armi nucleari (Npt), ritenendo che queste “non rappresentino un pericolo per la pace nel mondo”.

Lieberman, le cui dichiarazioni sono giunte martedì in risposta all'invito del suo omologo australiano Kevin Rudd a firmare il trattato, ha quindi chiarito: “Il problema non sta nella questione in sé della proliferazione di armi di questo tipo, ma nella responsabilità del paese che le possiede”.

Durante l'incontro con Rudd, il ministro israeliano ha quindi aggiunto di ritenere che “i paesi responsabili”, come il Giappone, l'Australia e la Germania, non rappresentino una minaccia per la pace mondiale “nonostante possano produrre armi nucleari in breve tempo”.

Nel corso di una serie di riunioni, l'Onu aveva chiesto più volte a Tel Aviv di firmare il Trattato di non-proliferazione e di sottomettere i suoi impianti al sistema di garanzie dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.