Appello per la protezione della Moschea di Al-Aqsa, a Gerusalemme.

Riceviamo e pubblichiamo l’appello della Abspp – Associazione Benefica di Solidarietà con il Popolo palestinese -per la protezione Moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme. 

L’Associazione Benefica di Solidarietà con il popolo palestinese – Italia, condanna la nuova  aggressione israeliana contro la sacra Moschea di Al-Aqsa e le sue parti storiche; aggressione che intende demolire e seppellire l’entità arabo-islamica della città, e che rappresenta un disprezzo e una chiara provocazione chiara ai sentimenti degli arabi dei musulmani in tutto il mondo.

Quanto sta succedendo ora alla Moschea di Al-Aqsa da parte dell’entità sionista è il tentativo di demolire la storia della città di Gerusalemme e la Moschea di Al-Aqsa, e non solo una porta di legno e due stanze. L’aggressione sionista tocca il futuro della Moschea di Al-Aqsa, con l’obiettivo di eseguire proogetti di colonizzazione, di guidaizzare i luoghi sacri dell’Islam.

I sionisti, da quando hanno occupato Gerusalemme, nell’anno 1967, hanno sequestrato il quartiere dei Magrebini, perché controlla la famosa parte del muro di Al-Buraq (chiamato ora il Muro del pianto) che sostengono faccia parte del muro est del cosiddetto "tempio". Da subito hanno demolito tutta la zona del quartiere dei Magrebini, spianandola e trasformandola in una piazza che hanno chiamato “piazza del pianto”, nell’ambito del loro progetto di ebraicizzazione della Moschea di Al-Aqsa, e dell’alterazione delle sembianze arabe e islamiche di Gerusalemme e di Al-Aaqsa.

L’Associazione Benefica di Solidarietà con il popolo palestinese – Italia, lancia un monito sulla pericolosità di queste continue aggressioni, che sono l’applicazione di un vecchio-nuovo progetto per demolire la Moschea di Al-Aqsa e costruire al suo posto il cosiddetto tempio.

Invitiamo dunque i mondi arabo e islamico, i governi, le associazioni e i popoli a muoversi per difendere Al-Aqsa poiché è parte della storia della nazione islamica e della sua fede, e invitiamo anche tutte le associazioni e organizzazioni internazionali a intervenire velocemente per fermare la violenza e il terrorismo israeliano nei confronti della persone, dei luoghi sacri e della Palestina.

Inoltre, apprezziamo molto la posizione degli abitanti di Gerusalemme e della Palestina occupata nel 1948 e tutti coloro che sono presenti nella piazza di Al-Aqsa per difenderla nello stesso momento che i mezzi meccanici e i bulldozer israeliani stanno demolendo parti della moschea con l’obiettivo di allargare la piazza di Al-Buraq.

Per questo motivo rivolgiamo il nostro messaggio alle fazioni del popolo palestinese, specialmente a coloro che sono riuniti alla Mecca, chiedendo loro di mettere fine alla crisi che sta vivendo la piazza palestinese, e di uscire con un accordo che rafforzi l’unità nazionale, per essere il muro protettivo del nostro popolo, delle sue associazione e dei suoi luoghi sacri.

Perciò l’Associazione Benefica di Solidarietà con il popolo palestinese – Italia, invita le associazioni e centri islamici a fare del giorno di venerdì un giorno di solidarietà con Al-Aqsa, poiché è parte della storia della nazione islamica e della sua fede, ed è un patrimonio artistico e architettonico di tutta l’Umanità. Proteggerla è dunque un dovere morale, legale e umano.

Genova 20 Muharram 1428 – 8 Febbraio 2007

L’Associazione Benefica di Solidarietà con il popolo palestinese, Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.