Coloni israeliani sradicano 400 alberi d’ulivo di proprietà palestinese

Nablus – InfoPal. Ieri mattina, coloni israeliani hanno sradicato 400 alberi d'ulivo, alcuni dei quali erano proprietà del nonno di 'Ussam Badran, ucciso giovedì scorso dalle forze d'occupazione israeliane nel tentativo degli abitanti del villaggio di respingere gruppi di coloni che irrompevano nel villaggio.

Il consiglio dei contadini di Qasrah (Nablus sud) ha riferito in un comunicato stampa che “un gruppo di coloni provenienti dall'insediamento israeliano di Ma'ali Evraim sorto su terre palestinesi ha sradicato centinaia di alberi d'ulivo nella zona di “Shou'b al-Kharab”.

“Gli alberi sradicati erano di proprietà di Saber 'Abdelhadi Hasan (250), Ziad Hilal Awode (80), Ayman Yousef Awode (30), 'Abd Hasan Badran (il nonno di Issam Badran), Awad Abdullrazak, Ismael Rizk, Sakr Shahade, Jomoua Abd, Abd Badri.

Sono tutti sono residenti del villaggio di Qasrah, insieme ad altri villaggi palestinesi – soprattutto quelli del nord della Cisgiordania – obiettivo delle aggressioni dei coloni israeliani.

Le aggressioni vanno dallo sradicamento al rogo degli alberi, dal sequestro delle terre per annetterle agli insediamenti (sorti sui terreni del villaggio), all'incendio delle moschee e agli attacchi contro i cittadini per impedire loro di raccogliere le olive o altri prodotti agricoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.