Striscia di Gaza, 200 palestinesi hanno perso la vita nei tunnel della ‘sopravvivenza’

Gaza – InfoPal. “Morire in un tunnel della sopravvivenza” può sembrare un ossimoro, un gioco di parole, una contraddizione semantica, ma è invece la cruda realtà di Gaza denunciata dal Centro per i diritti umani “Al-Mizan”.

Il numero delle vittime dei tunnel della “sopravvivenza”, che collegano la Striscia di Gaza all'Egitto, è infatti salito a 200, dal 2006 ad oggi. 

L'organizzazione ha aggiunto che 17 persone sono morte nel 2011, e che tra le 200 vittime ci sono anche 10 bambini.

In un rapporto stilato dal Centro emerge che 20 dei 200 sono morti a causa dei bombardamenti israeliani contro le aree dove si trovano le gallerie, e che il numero dei feriti è arrivato a 583, di cui 40 nel 2011.

Il centro ha rinnovato la propria forte condanna nei confronti dell'embargo israeliano imposto sulla Striscia di Gaza, ribadendo che il continuo assedio e le conseguenze catastrofiche che ha provocato hanno avuto un ruolo centrale nel rafforzare la disoccupazione e la povertà. Tali fenomeni hanno spinto i palestinesi a scavare tunnel come alternativa ai valichi chiusi, e hanno costretto molti disoccupati a lavorarvi per sopravvivere.

Il centro ha chiesto alla comunità internazionale di adempiere ai propri doveri legali e morali e adottare misure efficaci per porre fine all'assedio imposto sulla Striscia di Gaza, e lavorare per garantire i diritti dei palestinesi.

Nella zona di Rafah, a sud di Gaza, alla frontiera tra Egitto e Palestina, ci sono centinaia di tunnel sotterranei nei quali lavorano migliaia di palestinesi, impiegati sia nella costruzione stessa delle gallerie sia nel trasporto delle merci dall'Egitto alla Striscia assediata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.