Deputati svizzeri: a Gaza è distruzione programmata al di là di ogni immaginazione

<!–[if !mso]> <! st1:*{behavior:url(#ieooui) } –>

Bruxelles – Una delegazione svizzera, che sta visitando Gaza, ha dichiarato di essere stata scioccata dall’immagine di distruzione causata dall’esercito israeliano durante l’aggressione contro la Striscia di Gaza, aggressione durata per tre settimane e che ha causato la morte o il ferimento di più di settemila cittadini palestinesi, nonché la distruzione di migliaia di case.

Anwar al-Gharbi, portavoce della “Campagna Europea Contro l’Assedio di Gaza”, da cui è stata organizzata la visita in collaborazione con l’associazione svizzera “Diritti per Tutti”, ha detto che la delegazione, che sabato 24 gennaio è potuta entrare nella Striscia di Gaza tramite il valico di Rafah, ha visto da vicino gli effetti della distruzione, recandosi presso l’ospedale al-Shifa e presso la sede distrutta del Consiglio Legislativo Palestinese.

Al-Gharbi ha affermato: «L’aggressione israeliana ha toccato le persone, le pietre e le piante, ed è quello che si vede girando per Gaza». Ha inoltre aggiunto: «Quanto hanno commesso le forze di occupazione nella Striscia di Gaza è un crimine di guerra, nel vero senso del termine».

La delegazione composta da parlamentari svizzeri, on. Carlo Sommaruga, membro della Commissione Parlamentare degli Esteri, on. John Charles Rele, parlamentare e presidente dell’Ordine dei Medici, on. Antonio Hogoros, on. Josef Zisyadis, dal presidente dell’associazione “Diritti per Tutti”, da Anwar al-Gharbi, dall’avvocato Henry Jen loy e da due giornalisti svizzeri, vuole conoscere da vicino gli effetti della guerra israeliana sulla vita nella Striscia di Gaza.

In una dichiarazione alla stampa al-Gharbi ha detto: «La delegazione ha confermato di fare tutto il possibile per trasmettere al mondo esterno l’immagine della terribile distruzione di cui è testimone, rivelare i crimini dell’occupazione israeliana e premere per processare i capi dell’occupazione».

I deputati, durante la loro visita al CLP a Gaza, hanno ribadito il sostegno del Parlamento svizzero e dei parlamenti europei al CLP e il loro rifiuto di tutte le aggressioni nei confronti dei deputati palestinesi, di quelli detenuti, con in testa il Presidente del Consiglio Legislativo Aziz Dweik, e di tutti i deputati eletti democraticamente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.