Esercitazione israeliana di uno scontro con la Flotilla: è uno scenario di morti e feriti. Israele ha un piano anche per l’informazione su internet

An-Nasira (Nazareth) – Quds Press. Ieri l'esercito israeliano ha condotto un'esercitazione nella quale c’è stata la simulazione di intercettazioni navali e conclusasi con l’uccisione di attivisti, e il ferimento di altri.

L’agenzia stampa israeliana “Imra’” ha pubblicato nei dettagli lo scenario nel quale si è svolta detta esercitazione. Erano presenti rappresentanti di governo, del premier Netanyahu, il portavoce dell’esercito israeliano e l’iniziativa è stata sponsorizzata dal ministro dell’Informazione e la Diaspora di Israele, Yuli Edelstein.

Il tutto si svolge all’interno di una stanza, adibita ad hoc, dalla quale Israele ha pianificato nei particolari anche l’offensiva mediatica, soprattutto quella su Facebook e Twitter.

Così di legge sul sito di “Imra’”:

Il ministro dell’Informazione e della Diaspora ha portato a termine un’esercitazione per affrontare la Flotilla diretta a Gaza.

(La comunicazione proviene dai portavoce del ministero per la Pubblica diplomazia e della Diaspora).

Ieri, martedì 28 giugno 2011, con successo, il ministro per l’Informazione e della Diaspora ha portato a termine un’esercitazione per affrontare la Flotilla diretta a Gaza.

Nel corso dell’esercitazione, gli impiegati del ministero sono stati convocati all’interno di una stanza adibita a situazioni straordinarie, creata per affrontare la Flotilla.

La stanza è stata destinata alla divulgazione di informazioni via internet con messaggi, immagini, video e altro materiale, soprattutto quelle rivolte alle comunità della Diaspora, alle organizzazioni ebraiche e agli amici di Israele nel mondo, i quali chiedono assistenza alle attività per l’informazione nelle proprie lingue e in un contesto locale. 

Hanno preso parte all’esercitazione professionisti del ministero, rappresentanti dell'ufficio del premier israeliano, degli Esteri, il portavoce dell’esercito, l’ufficio stampa del governo, l’Agenzia ebraica e organizzazioni mediatiche.

La simulazione:

L’esercitazione si è svolta in uno scenario nel quale circa 500 attivisti su circa 10 navi raggiungono le acque territoriali israeliane intorno alle ore 10:00.

Nonostante gli avvertimenti dell’esercito israeliano, le navi continuano il proprio viaggio. Intorno alle 10:30, la Marina israeliana comincia ad avvicinarci alle navi.

Bombe assordanti vengono lanciate ai soldati israeliani, mentre una granata provoca diversi incidenti alla nostre forze. Alle 11:00 è stato dato l’ordine alle unità militari di prendere il controllo fisico delle navi a bordo delle quali si riscontra resistenza. Le nostre forze vengono attaccate con armi e hanno l'obbligo di neutralizzare gli assalitori. Come risultato, alle 11:45 dieci soldati israeliani sono feriti (uno in maniera grave, quattro soldati e gli altri in modo lieve). Tra i partecipanti alla Flotilla, due sono morti, 14 feriti, due dei quali in modo grave.

Mentre accade questo, i mezzi dell’informazione – in particolare quelli online come Facebook e Twitter – vengono assaliti con resoconti falsi (di utenti privati e di nemici di Israel come Hamas e altri). In coordinamento, il portavoce dell'esercito e il comitato direttivo nazionale iniziano a diffondere informazioni attendibili alle comunità ebraiche e agli amici di Israele nel mondo. Saranno i responsabili dell’informazione ad aggiornare le informazioni su Facebook e Twitter dalla stanza.

Il ministro Edelstein ha dichiarato: “Data la provocazione rappresentata dalla Flotilla, il cui scopo è quello di attaccare l’immagine di Israele nel mondo, abbiamo istituito una stanza straordinaria per assicurare il coordinamento tra gli ufficiali di governo, le comunità ebraiche in diaspora e gli amici di Israele nel mondo. Siamo qui per smascherare il vero volto di organizzazioni terroristiche e di quanti incitano all’odio tra gli organizzatori della Flotilla, divulgando messaggi e foto in tempo reale su internet. Sono sicuro che ci moltiplicheremo in migliaia di attivisti con le comunità ebraiche nel mondo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.