Fonti americane: 15 milioni di dollari per riformare Al-Fatah. Najah Abu Bakr: ‘Andranno ai corrotti’.

Dal nostro corrispondente.

Fonti bene informate all’interno del Consolato americano a Gerusalemme hanno reso noto che gli Stati Uniti d’America hanno destinato circa 15 milioni di dollari per riformare il movimento Al-Fatah dal suo interno dopo che questo ha perso le elezioni legislative di gennaio contro il movimento di Hamas – che ha vinto con la maggioranza assoluta.

La fonte ha confermato che gli Stati Uniti hanno donato anche 650 mila dollari per i campi estivi organizzati quest’anno dal movimento di Fatah nelle città e nei campi profughi della Cisgiordania e della Striscia di Gaza.

E ha aggiunto: “Dopo la vittoria del movimento di Hamas alle elezioni legislative, gli Stati Uniti, insieme all’Unione Europea, hanno deciso di isolare Hamas e di impedirgli di proseguire il suo percorso di non riconoscimento della legalità internazionale.

 

Da parte sua, la deputata di Al-Fatah nel Consiglio legislativo palestinese, Najah Abu Bakr, ha affermato: “L’America non cerca di rafforzare Fatah portatrice del progetto nazionale, ma di sgozzare Hamas e Fatah”.

E ha aggiunto: “L’America ha appoggiato Hamas alle elezione legislative quando ha chiesto di non votarlo. In questo modo gli ha fatto pubblicità”.

E ha proseguito: “Se è vero che ci sono questi soldi, di sicuro sono regalati ai disonesti di Al-Fatah, e veicolati attraverso le organizzazione non governative che operano per trasformare il progetto nazionale in progetto di assistenza sociale. E’ un pericolo per la nazione se il progetto si trasforma da nazionale a beneficienza per sfamare gli affamati”.

E per quanto riguarda coloro che ricevono i soldi dall’America, Najah Abu Bakr ha sottolineato che “questi non rappresentano Al-Fatah”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.