Freedom Flotilla 2: Saoirse e Tahrir in rotta verso Gaza

Riceviamo e pubblichiamo

La scorsa estate, Israele e Stati Uniti esportarono ad Atene l'assedio imposto sulla Striscia di Gaza quando impedirono alle 8 navi della Freedom Flotilla 2 – Stay Human di partire per raggiungere il territorio palestinese assediato.

Nonostante l'esito della missione, allora riuscimmo a sollevare l'attenzione internazionale sul blocco di Gaza. Ciò che abbiamo dovuto affrontare in Grecia non ha fatto altro che rafforzare la nostra determinazione a sfidare l'assedio imposto sulla popolazione di Gaza.

Allora affermammo che avremmo continuato a salpare e adesso ci siamo!!!

In queste ore, due navi si trovano in acque internazionali nel Mediterraneo e sono dirette a Gaza. Una è “Saoirse, irlandese, a bordo della quale vi sono anche alcuni parlamentari. L'altra è la canadese “Tahrircon rappresentanti da Canada, Usa, Australia e Palestina. Il rappresentante americano è Kit Kittredge, anche a bordo di U.S. Boat to Gaza, ” The Audacity of Hope”.
Un giornalista di “Democracy Now” è a bordo di Tahrir.

Organizzazioni della società civile di Gaza attendono il loro arrivo e prenderanno in consegna le lettere scritte da migliaia di sostenitori americani della campagna “To Gaza With Love”.

Chiediamo il vostro sostegno per la riuscita della missione:

Visitate i seguenti siti web per ricevere aggiornamenti:
– US to Gaza
– Irish Ship to Gaza
– Canadian Boat to Gaza
– seguite in diretta la copertura mediatica dalla nave “Tahrir” su Democracy Now
– seguiteciu su Twitter #Freedomwaves.

Diffondete la notizia tra i vostri contatti

Contattate il Dipartimento di Stato e la Casa Bianca chiedendo di assicurare il libero passaggio di queste due navi e fare pressioni perché si ponga fine all'assedio su Gaza.

Chiamate il Dipartimento di Stato:

Segretario di Stato Hillary Clinton 202-647-5291
Ambasciatore Usa in Israele Daniel Shapiro 011-972-3-519-7575
Ufficio per gli Affari israelo-palestinesi Paul Sutphin 202-647-3672
Ufficio per gli Affari consolari Kim Richter 202-647-8308
Casa Bianca 202-456-1414
inviare e-mail al presidente Obama http://www.whitehouse.gov/contact

Sollecitali scrivendo loro con quanto segue:
Sin dalla metà del 2006, la Striscia di Gaza vive sotto assedio, con il quale si privano 1.6milioni di palestinesi di vivere in libertà e si negano loro i diritti umani fondamentali. Nonostante l'assedio abbia ricevuto la condanna di Nazioni Unite, Croce Rossa e numerosi governi, nulla non è stato fatto per andare incontro a questi civili.
La società civile ha il dovere di agire laddove non lo fanno i governi. Due navi con a bordo 27 passeggeri provenienti da 5 paesi sono in navigazione verso Gaza per affrontare il blocco navale imposto da Israele e per portare a Gaza supporti medico-ospedalieri e lettere di solidarietà.

In quanto americani, insistiamo sul nostro governo (il quale contribuisce ai rifornimenti militari di Israele per 3miliardi di dollari ogni anno) affinché faccia in modo che Israele garantisca il nostro passaggio e ponga  fine all'illegale assedio su Gaza.

Nella maniera più assoluta possono essere sollevati pretesti per imporre a 1,6milioni di persone questa punizione collettiva.

Divulgate questa storia

Altri aggiornamenti su:
www.ustogaza.org
www.irishshiptogaza.org
www.tahrir.ca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.