Giornalisti nel mirino della sicurezza dell’Anp e di Israele

Ramallah – Pal-Info. Ottobre 2010: “Mada”, Centro palestinese per lo sviluppo e la libertà d'informazione, ha monitorato e raccolto le violazioni ai danni della libertà di stampa e gli attacchi contro i giornalisti in Cisgiordania da parte degli apparati di sicurezza dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) e delle forze d'occupazione israeliane.

Le due forze hanno perseguitato i professionisti dell'informazione, imponendo restrizioni e ostacolandoli nel riportare i fatti sul campo, arrestandoli, sottoponendo ad interrogatori, aggredendoli fisicamente.

Sicurezza dell'Anp. A Betlemme, un tribunale palestinese ha esteso la detenzione di Mahmoud Hamamrah, corrispondente di al-Asqa Tv, la Sicurezza preventiva ha sottoposto ad interrogatorio lo speaker di Radio 'Ilm (News Radio), Samer Rawaishad.

A Ramallah, lo scrittore e giornalista 'Ala ar-Rimawi è stato arrestato mentre la polizia ha impedito allo staff di al-Quds Tv di trasmettere. Al momento dell'operazione, si trovavano negli studi: Akram an-Natshah, 'Abdel Ghani an-Natshah, Mamoun Fanashah e un fotografo dell'agenzia Palmedia, Ahmed Nubani.

Il Centro palestinese per i diritti umani chiede che la libertà d'espressione e di stampa siano garantite e si appella all'Anp per il rilascio immediato di tutti i professionisti dell'informazioni dalle prigioni in Cisgiordania.

Forze d'occupazione israeliane. Le forze di occupazione israeliane hanno arrestato lo speaker di Radio Hurriyyah (Radio Libertà), Ra'ed Sharif, di al-Khalil (Hebron) dove sono stati fermati e condotti in prigione pure un cameraman della Reuters, Mamoun Wazouz e un fotografo dell'agenzia France Press, Hazem Bader, del villaggio di Beit Amer, (Hebron).

Nel quartiere gerosolimitano di Silwan le forze d'occupazione hanno attaccato il fotoreporter di al-Quds, Mahmoud 'Alyian, un collega di PalMedia, Hamza Na'agi, uno dell'agenzia France Press, 'Abbas Maumani e due corrispondenti di Tv Filistinyn, Nader  Baibras e Haroun 'Amirah.

Il corrispondente di al-Jazeera Elias Karram è stato sottoposto a interrogatorio come anche la collega di al-Quds.net, Dalia Jawiyyan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.