I giornalisti di Gaza: ‘Le elezioni del nostro sindacato sono da rifare’.

Gaza – Infopal. Decine di giornalisti della Striscia di Gaza invitano le due Unioni dei giornalisti, araba ed internazionale, e le varie organizzazioni che in Palestina si occupano dell'informazione, a svolgere un'inchiesta sull'illegalità che ha caratterizzato le elezioni del sindacato dei giornalisti svoltesi un mese fa in Cisgiordania, negando pertanto il riconoscimento dei loro risultati ed impegnandosi a svolgere al più presto, nella massima trasparenza, nuove e libere elezioni alle quali possano partecipare tutti i giornalisti palestinesi.

Questa proposta è contenuta in una petizione pubblica firmata da circa 140 giornalisti, uomini e donne, della Striscia di Gaza ed appartenenti a varie organizzazioni e testate.

Nella petizione è scritto: “Noi firmatari, da molti anni, malgrado la divisione politica interna, lavoriamo in maniera pacifica e democratica affinché vi sia un sindacato dei giornalisti palestinesi che funga da 'casa comune' per tutti”.

“Il 5 e il 6 di febbraio 2010 vi sono state le elezioni per il sindacato dei giornalisti, con un ritardo di otto anni, ma esse si sono svolte in mezzo a soprusi ed illegalità che nulla hanno a che vedere con la professione, al punto che ne sono stati esclusi tutti i giornalisti della Striscia di Gaza e anche decine della Cisgiordania. I nomi dei candidati sono stati resi noti solo al momento del voto, al contrario di quanto desideravano i giornalisti, i quali aspiravano ad una riforma del sindacato, di modo che diventasse il sindacato di tutti e non solo di una fazione, o addirittura dei politici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.