Israele chiude i valichi della Striscia in occasione della Pasqua ebraica.

Gaza – Infopal. A causa delle festività ebraiche, le autorità di occupazione israeliana oggi hanno deciso la chiusura di tre passaggi della Striscia di Gaza. Questi erano stati aperti ieri per permettere l’ingresso di 80 camion di aiuti umanitari per conto dell’agenzia delle Nazioni Unite – UNRWA e di altre organizzazioni internazionali, più altri carichi destinati a privati. Ciò aveva permesso l’arrivo di un approvigionamento alimentare minimo di alcuni beni di consumo e di granaglie. La strada era però stata sbarrata ai rifornimenti di carburante.

Secondo l’ing. Raed Fattuh, capo della commissione che gestisce l’ingresso delle merci nella Striscia di Gaza, le autorità israeliane avrebbero tuttavia annunciato la riapertura per la mattinata di domani: oggi infatti si concludono i festeggiamenti per la Pasqua ebraica.

Prosegue ancora il blocco terrestre, navale e aereo israeliano, che dal giugno 2007 ha fatto crollare l’economia e intrappolato un milione e mezzo di palestinesi.

Oltre ai convogli di ieri, era stata concessa l’entrata nella Striscia anche a 130 tonnellate di gas da cucina e 450 mila litri di diesel industriale, destinati a far funzionare l’unica centrale elettrica della regione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.