Israele ‘stato democratico’: Knesset, riunione straordinaria sul razzismo nelle scuole ebraiche.

Nasera – Infopal. La Knesset (il parlamento israeliano) ha convocato oggi una riunione straordinaria per discutere la diffusione del razzismo nelle scuole ebraiche, in particolare contro gli ebrei di colore giunti dall'Etiopia per stabilirsi in Israele.

La convocazione segue di due giorni la manifestazione organizzata a Tel Aviv contro la discriminazione razziale degli studenti di origini etiopi a Gerusalemme.

Il gruppo parlamentare di sinistra Meretz ha così chiesto di dedicare una seduta parlamentare alla politica del ministro dell'Istruzione, che si starebbe dimostrando “estremista a livello nazionale e razzista nei confronti della popolazione di provenienza etiope”.

Le ha fatto eco Tzipi Livni, leader dell'opposizione e presidente del partito Kadima, secondo la quale “Israele non può essere uno stato che nega l'istruzione a una parte dei suoi studenti. Ciò a cui stiamo assistendo oggi dovrebbe essere l'inizio del processo di riforma sociale, che superi il problema degli studenti etiopi nella città di Petah Tikva”.

Livni ha quindi criticato le scuole che hanno rifiutato di accettare gli ebrei di colore, commentando: “Lo stato non deve finanziare le scuole che non seguono il principio di uguaglianza in materia d'istruzione”, e ribadendo che sosterrà una decisione governativa che aggiusti ciò che deve essere aggiustato su questo argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.