L’esercito israeliano effettua due attacchi contro le Brigate Al-Aqsa.

Dal nostro corrispondente.

All’alba di oggi, l’aviazione israeliana ha effettuato due attacchi separati contro diversi obiettivi appartenenti alle Brigate dei martiri di Al-Aqsa, il braccio armato di Al-Fatah (vicine ad Abu Mazen), nel centro e nel nord di Gaza. E ha colpito con un missile la sede di un’associazione benefica delle Brigate dei martiri Al-Aqsa, al centro di Gaza.

Nel nord l’aviazione israeliana ha sganciato tre missili contro l’ufficio di comunicazione delle Brigate di Al-Aqsa, vicino al ministero dell’Istruzione pubblica a Beit Lahiya. Fonti  mediche non hanno reso noto se ci sono state vittime nonostante che il bombardamento abbia molto danneggiato la struttura.

Poco prima dei due attacchi l’artiglieria israeliana, posizionata sulla frontiera nord e est della Striscia di Gaza, ha lanciato decine di bombe nelle zone abitate di Beit Hanun e Beit Lahiya, a nord. Testimoni oculari hanno riferito che una delle bombe è caduta sulla casa di Asaad Fahmi Salah, a est del villaggio di Beit Lahiya, a nord della Striscia.

Le forze israeliane hanno impedito alle ambulanze di raggiungere quella famiglia, seminando paura e terrore.

Fonti sanitarie hanno spiegato che un membro della famiglia è stato colpito da frammenti delle bombe e il resto dei componenti è sotto shock a causa dell’impedimento, per diverse ore, dell’arrivo dei soccorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.