Niente teatro nelle colonie: la presa di posizione di alcuni professionisti israeliani

Imemc. Decine di artisti di rilievo della comunità teatrale israeliana – tra cui attori, commediografi e direttori – si sono impegnati per iscritto a non fare uso di un nuovo centro culturale appena costruito nella colonia israeliana di Ariel. Il gesto potrebbe costare loro l'iscrizione alla corporazione dei teatranti, finanziata dallo Stato, ma i professionisti hanno dichiarato che un simile atto di coscienza è più importante dei loro stipendi.

Tra i firmatati si contano alcuni degli attori più in mostra d'Israele, come Yusef Sweid e Rami Heuberger, insieme al commediografo Joseph Sobol, famoso per una sua opera sull'Olocausto dal titolo “Ghetto”. Alcuni di loro affermano che è ironico come il nuovo centro venga inaugurato facendo recitare delle commedie di Bertolt Brecht, che si ergeva a favore degli oppressi – e che si rivolterebbe nella tomba se sapesse che i suoi lavori vengono utilizzati come strumento di oppressione politica.

Mentre il ministro della Cultura e dello sport Limor Livnat ritiene che non vi sia alcuna differenza tra il recitare all'interno della Linea Verde (i confini dell'armistizio del 1967) o nelle colonie (“Io chiedo che gli spettacoli abbiano luogo come da programma sia ad Ariel che nel resto del paese, poiché ogni cittadino ha il diritto di consumare cultura dovunque scelga di farlo”), altri dissentono con le sue parole, e sostengono che partecipare a simili eventi al di là della Linea in violazione della legge internazionale costituisce un atto intrinsecamente politico.

L'analista Gideon Levy ha scritto nella sua rubrica di Ha'aretz: “Nello stesso momento in cui la Tate Modern di Londra sta presentando l'impressionante video di Francis Alys, un artista che ha camminato lungo la Linea Verde con un secchio di vernice per ritracciarla, Israele sta facendo di tutto per cancellarla. Ora i professionisti del teatro si sono mobilitati a nome di questa campagna di offuscamento e di oscurantismo. Sì, esiste una differenza morale tra l'essere qui o lì, nel cuore di un insediamento illegale (come tutti gli insediamenti suoi fratelli), costruito su un fazzoletto di terra rubata, per fare uno spettacolo che aiuti i coloni a passare il tempo in modo piacevole, mentre sono circondati da persone private di tutti i loro diritti”.

Il Consiglio delle colonie di Yesha ha risposto al boicottaggio con una dichiarazione: “La nostra reazione alla lettera firmata dai disertori e attivisti anti-sionisiti di sinistra sarà molto severa”. Ai manager teatrali è stato quindi chiesto di licenziare tutti i firmatari. Il sindaco della colonia di Ariel ha commentato, parlando ai reporter, che gli artisti in questione non possono allo stesso tempo ricevere lo stipendio dal governo e avere la coscienza pulita.

A queste affermazioni, Gideon Levy ha replicato: “Il teatro non è un esercito, gli attori non sono soldati, e gli artisti che boicottano le esibizioni non sono imboscati. Le poche decine di personalità che hanno firmato la dichiarazione con la quale boicotteranno Ariel sono persone di coscienza, che meritano l'elogio. Se ne dovessero aggiungere altri alla lista, lo spettacolo non andrà avanti ad Ariel”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.