Quartetto, l’Unione Europea appoggia il piano di Obama

Betlemme – Ma'an. I membri del Quartetto diplomatico sul Medio Oriente e il capo degli Affari esteri europeo  hanno espresso, questa settimana, pieno favore per le dichiarazioni fatte dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama, incoraggiando Israele e la Palestina alle trattative.

I membri del Quartetto, che include l’Unione Europea, le Nazioni Unite, gli stati Uniti e la Russia, hanno comunicato di essere tutti  “molto concordi sull’esigenza di risolvere il conflitto tra Israele ed i palestinesi,” e hanno espresso “solido appoggio” alla visione di Obama.

Anche il capo degli Affari esteri europeo, Catherine Ashton, sostiene la proposta, affermando di “accogliere le importanti dichiarazioni del presidente Obama”.

Nel discorso di giovedì, che espone un’ampia politica di supporto alle nazioni del Medio Oriente, corrispondente alle richieste di cambiamento e di migliore rappresentanza, il presidente degli Stati Uniti ha anche avvertito Israele, che la sua sicurezza sarà a rischio se falliranno le negoziazioni, le quali dovrebbero avvenire sulla base dei confini dell’armistizio del 1967 ed includere trattative per lo scambio di territori. I luoghi in cui gli insediamenti israeliani non saranno evacuati, saranno barattati con territori esterni ai confini.

Inoltre, Obama ha detto chiaramente che un’iniziativa palestinese che prevede la richiesta alle Nazioni Unite per il riconoscimento di uno stato indipendente non sarà accolta.

Ashton ha dichiarato di “aver accolto con favore la conferma di Obama dell’istituzione dei confini di Israele e della Palestina su quelli del 1967, con scambi concordati reciprocamente, confini sicuri e riconosciuti da entrambe le parti, uno Stato di Israele i cui interessi siano stati soddisfatti e un accordo sulla questione di Gerusalemme e dei rifugiati”.

Promuovendo il cambiamento in Medio Oriente, ha affermato Ashton, la pace “è più urgente che mai”, aggiungendo che l’Unione Europea “farà tutto il possibile, lavorando con i propri colleghi del Quartetto, per aiutare entrambe le parti a scegliere la via della pace e condurre trattative di successo”.

La dichiarazione del Quartetto ha sottolineato la necessità di “avanzare su basi territoriali e di sicurezza ” e che ciò ” costituisce il punto di partenza per israeliani e palestinesi per risolvere il conflitto, attraverso consistenti negoziazioni e accordi reciproci su tutti i problemi principali”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.