Rapporto settimanale del PCHR su violazioni israeliane: 3 palestinesi uccisi e 13 feriti. ‘La UE non importi prodotti dagli insediamenti illegali’.

Cigiordania – Infopal. Il Palestinian Center for Human Rights (PCHR) ha resi noti i dati sulle violazioni israeliane in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza nel periodo dal 9 al 16 luglio.

Durante invasioni e assalti, 3 palestinesi sono stati uccisi e 13 feriti, compresi 2 bambini. 7 sono stati feriti durante una manifestazione pacifica svoltasi a Nil’in, vicino a Ramallah, contro il Muro di Annessione.

Le forze di occupazione ha mantenuto la chiusura di tutti i valichi della Striscia di Gaza. L’assedio che dura da oltre un anno ha provocato un disastro umanitario, e ha violato i diritti umani, economici, medico-sanitari, scolastici e sociali di circa 1,5 milioni civili.

Le autorità israeliane continuano a impedire l’entrata di merci e di prodotti grezzi nella Striscia e molte aziende sono state costrette a chiudere. E’ impedito anche il movimento dei civili.

Nonostante la tregua con Israele, mediata dall’Egitto, entrata in vigore il 19 giugno, i valichi non sono stati riaperti e l’assedio non è stato sollevato e la popolazione continua a soffrire e a morire.

Appello alla Comunità internazionale: il PCHR ha rivolto un appello alla comunità internazionale per segnalare le nuove e numerose violazioni da parte delle forze israeliane. Tra le raccomandazioni, il Centro ricorda all’Unione Europea l’esistenza dell’art. 2 dell’Accordo Euro-Israeliano che prevede che Israele rispetti i diritti umani come pre-condizioni per la cooperazione economica con gli stati della UE. Il PCHR chiede dunque all’Unione Europe di proibire l’importazione di merci prodotte negli insediamenti illegali israeliani situati in Cisgiordania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.