Regione Toscana: all'assessore Toschi non è stato impedito l'ingresso a Gaza.

Il capo di gabinetto dell’assessore della Regione Toscana, Marco Mayer, ha telefonato alla nostra redazione per smentire la notizia pubblicata da noi questa mattina.

La comunicazione del divieto di ingresso per l’amministratore italiano ci era stata inviata ieri dal nostro ufficio di corrispondenza, al-Watan, ma è stata diffusa anche da altre agenzie: http://www.maannews.net/ar/index.php?opr=ShowDetails&ID=103759

http://www.daralhayat.com/arab_news/levant_news/03-2008/Item-20080310-9a2accb6-c0a8-10ed-017c-4324695e94dd/story.html

http://www.qudsnet.com/arabic/news.php?maa=View&id=65187

http://www.asharqalawsat.com/details.asp?section=4&issueno=10696&article=462177&feature=

E’ possibile dunque che l’assessore Toschi sia entrato oggi e, per altre ragioni, ieri abbia incontrato difficoltà che gli hanno impedito l’accesso alla Striscia di Gaza.

Gaza – Infopal

Le autorità di occupazione israeliane hanno impedito all’assessore regionale toscano, Massimo Toschi, di entrare nella Striscia di Gaza.

In un comunicato stampa di cui ieri il corrispondente di Infopal.it ha ricevuto una copia, il ministero della Sanità palestinese ha confermato che il governo israeliano ha impedito l’arrivo dell’assessore italiano nella Striscia di Gaza, "per non far conoscere al mondo i crimini dell’occupazione".

Il ministero ha fatto sapere che "l’assessore avrebbe dovuto visitare l’ospedale infantile ‘Martire Mohammad ad-Durra’, e altre strutture sanitarie della Striscia di Gaza", e venire a conoscenza "dei crimini israeliani perpetrati contro i palestinesi".

Nascondere la verità

Da parte sua, il Comitato Popolare per Affrontare l’assedio ha condannato la decisione delle autorità di occupazione israeliane che hanno impedito all’assessore regionale Toschi di entrare nella Striscia di Gaza assediata.

Il Comitato ritiene l’impedimento di accesso di politici stranieri nella Striscia "una politica israeliana per impedire di trasmettere la realtà e la sofferenza della popolazione di Gaza causata da un brutale e ingiusto assedio".

L’occupazione israeliana ha impedito a diverse delegazioni di entrare nella Striscia, così come ha proibito l’ingresso di camion di aiuti umanitari.
Il Comitato ha sottolineato che questa politica "fa parte della guerra di distruzione di massa contro il popolo palestinese assediato".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.