Turkmenistan respinge nomina ambasciatore israeliano sospettato di spionaggio per il Mossad

An-Nasira (Nazareth) – Haaretz, InfoPal. La Repubblica del Turkmenistan ha rifiutato di accogliere Haim Koren come ambasciatore israeliano perché sospettato di essere un agente dei servizi segreti israeliani, il Mossad.

Il suo passato da insegnante presso il College della Sicurezza nazionale a Glilot è la ragione che non ha convinto le autorità del Turkmenistan, le quali hanno ribattuto al ministro degli Esteri israeliano, Avigdor Lieberman: “Vorremmo che ci inviaste un ambasciatore responsabile delle relazioni bilaterali, non una spia con il compito di raccogliere informazioni sull'Iran”.

Non è la prima volta in cui il Turkmenistan rispedisce la proposta all'emittente israeliano. Nel 2009 – era la prima candidatura diplomatica israeliana nel paese -, Israele propose Reuven Daniel, ex agente del Mossad. Allora Lieberman gli diede un contentino assegnandolo alla rappresentanza diplomatica ucraina.

Per il ministro degli Esteri di Israele, la ragione più probabile del rifiuto turkmeno riporta a un altro episodio.
Nel 1996 Daniel fu alla guida dell'ufficio del Mossad a Mosca da dove fu espulso dopo essere stato colto a prendere in consegna da ufficiali russi alcune immagini satellitari.

La storia diplomatica tra Israele e Turkmenistan è il prodotto di un “progetto personale” di Lieberman, il quale, non appena assunta la carica ministeriale, volle aprire un'ambasciata israeliana ad Ashgabat. Per Israele, insediarsi in una ex repubblica sovietica a soli 20 km dalla frontiera con l'Iran non rappresenta un mero gesto diplomatico, ma corrisponde pure a lanciare un avvertimento all'Iran.

Intanto, il bando di concorso per la rappresentanza diplomatica israeliana in Turkmenistan è stato pubblicato nuovamente la settimana scorsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.