L’assedio continua a mietere vittime: sale a 233 il numero dei malati deceduti. 6 morti in 24 ore.

Gaza – Infopal. Il bilancio dei malati morti in questi giorni nella Striscia di Gaza, a causa dell’assedio, è salito a 233. Lo ha denunciato il Comitato Popolare Contro l’Assedio.

Giovedì 7 agosto: Wael Mohammad Arafat, 33 anni, cardiopatico; Mohammed As-Sayed Juneid, di Jabalia, nel nord della città di Gaza, affetto da insufficienza renale; Ibrahim Jaber Al-Ghoul, di Gaza, malato di cancro.

Mercoledì 6 agostoNafisa Hosni Ashur, residente a Khan Yunes, nel sud della Striscia di Gaza, malata di cancro. Le autorità di occupazione non le hanno concesso l’autorizzazione a recarsi all’estero per le cure mediche. Il portavoce del Comitato, Rami Abduh, ha riferito che la signora, in un documentario mandato in onda da Al-Aqsa Tv, aveva lanciato un appello affinché venisse riaperto il valico di Rafah e lei e altri potessero uscire dalla Striscia, ma tutto è stato vano.

Gli altri morti della giornata: Naimah Abdelhamid Yasin, 60 anni, malata di leucemia, e Mohammad Salem al-Hanadi, anche lui malato di cancro. A entrambi è stato negato il permesso di recarsi all’estero per le cure mediche.

 

I malati di cancro, bambini, donne e anziani, sono infatti ritenuti "pericolosi" per la "sicurezza di Israele". Da parte sua, anche il governo egiziano non permette l’apertura del valico di Rafah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.