Una donna palestinese arrestata a Tulkarem. Stato di polizia per i palestinesi cittadini di Israele

Nablus – Pal-Info. Il Centro di studi sui prigionieri e per i diritti umani, “Ahrar” (Liberi) ha denunciato l'arresto di una donna palestinese di 57 anni.

L'arresto è avvenuto all'alba di ieri, lunedì, 19 luglio, a Tulkarem, nella Cisgiordania del nord, quando le forze di occupazione israeliane hanno fatto irruzione nell'abitazione della donna.

Fatiha al-Suweis, madre di un bambino e cognata di un leader di Hamas, 'Abbas al-Sayyed, attualmente in prigione, è stata portata via senza alcuna motivazione apparente.

Fu'ad al-Khafesh, direttore del centro, fa sapere che, ad oggi, non si dispone di ulteriori informazioni sullo stato di Fatiha.

Sempre ieri, 25 palestinesi sono stati posti in stato di fermo a Tel Aviv perché, stando alle motivazioni fornite dalle autorità israeliane, erano “privi di permesso per entrare nei Territori Palestinesi Occupati nel '48 [Israele, ndr]”.

In meno di una settimana, sono stati 60 i palestinesi provenienti proprio dall'interno di Israele arrestati per lo stesso motivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.